Videogiochi & Narrativa: Il Signore degli Anelli

Prima di iniziare a parlare dell’argomento di oggi, è mio desiderio fare gli auguri a tutti coloro che seguono questo blog: il 2021 deve essere l’anno della ripartenza sotto ogni fronte, sono fiducioso che le cose andranno in questo senso.
Detto ciò, ho pensato a lungo durante queste vacanze a quale sarebbe stato il primo articolo dell’anno e la scelta è caduta sulla rubrica Videogiochi & Narrativa, che ha debuttato appena qualche settimana fa con un articolo sui videogame dedicati ad Harry Potter.
Questa settimana, invece, parleremo di un titolo che l’industria videoludica ha preso d’ispirazione da sempre, possiamo dire, o perlomeno da quando è diventato un fenomeno di condivisione globale nel mondo letterario e non: Il Signore degli Anelli di J.R.R. Tolkien.
I giochi dedicati alla trilogia del Professore sono stati davvero numerosissimi, alcuni di essi poco conosciuti mentre altri hanno spopolato tra i ricordi dei videogiocatori.
Vediamo nel dettaglio quali sono.

lo hobbit
LE ORIGINI. Il Signore degli Anelli è stato una di quelle poche opere capace di stimolare l’immaginario collettivo sociale anche negli anni postumi alla sua pubblicazione. Ha influenzato e influenza tuttora la narrativa, la cultura in generale, la cinematografia… e i videogiochi.
E’ incredibile da sapere, eppure i primi giochi de Il Signore degli Anelli risalgono addirittura agli anni 80: il produttore di videogiochi in questione fu la ormai “defunta” Melbourne House, che pubblicò nel 1982 Lo Hobbit (tratto dall’omonimo romanzo), Fellowship of the Ring (1986), The Shadows of Mordor (1987) e The Crack of Doom (1989). Si trattava per la precisione di giochi di avventura testuale, dove i giocatori facevano interagire il proprio personaggio con l’ambiente sviluppato per la storia, che comunque non ebbero fortuna né di pubblico né di vendite.

Dopo la Melbourne House, negli anni 90 fu il turno della Interplay in collaborazione con il colosso di Electronic Arts.
Interplay produsse una serie di videogiochi di ruolo (altrimenti noti come GDR) basati sui libri della trilogia.
Il primo fu J.R.R. Tolkien’s The Lord of the Rings, e conteneva persino delle scene del film animato di Ralph Bakshi (Il Signore degli Anelli del 1978), e il secondo nonché ultimo fu J.R.R. Tolkien’s The Lord of The Rings: The Two Towers.
Interplay avrebbe dovuto far uscire un terzo videogioco basato su Il Ritorno del Re, ma questi non vide mai la luce.lotr irdr

IL SUCCESSO. I precedenti giochi, inutile a dirlo, furono esclusivamente per PC e Commodore 64, dato che non era ancora nata la “guerra” tra le due console Xbox e Playstation.
Nel frattempo, però, tra il 2001 e il 2003 fu prodotta da New Line Cinema la trilogia dei film di Peter Jackson, che diede forte linfa non solo ai videogiochi prodotti in seguito, ma in generale all’intero mito di Tolkien e delle sue opere: Il Signore degli Anelli, con la nuova produzione cinematografica, divenne definitivamente un nuovo fenomeno di massa.

Chi si accaparrò i diritti per la composizione e la distribuzione dei nuovi videogiochi tratti dai film fu, almeno inizialmente, la francese Vivendi Universal con Il Signore degli Anelli: La Compagnia dell’Anello, uscito per PC e, per la prima volta in assoluto, per Xbox e Playstation 2.
Fu però una esperienza di brevissima durata, dato che, dopo il titolo prodotto dalla società transalpina, fu ancora l’EA a impossessarsi del ruolo di sviluppatrice ufficiale dei videogiochi.
Si deve all’EA un cambio repentino dell’esperienza videoludica, improntata sull’hack ‘n’ slash, ossia uno stile basato moltissimo sul combattimento.
E’ stato un hack ‘n’ slash sia Il Signore degli Anelli: Le Due Torri (2002, Playstation 2, Xbox, Nintendo Gamecube) che il suo seguito naturale Il Signore degli Anelli: Il Ritorno del Re (2003, Playstation 2, Xbox, Nintendo Gamecube).
E’ di quest’ultimo titolo che ho i miei ricordi più belli circa le esperienze videoludiche passate con LoTR: col terzo titolo ho giocato parecchio durante la mia preadolescenza, specie in modalità cooperativa con mio fratello. Ci divertivamo a trucidare orchetti, lui nei panni di Aragorn e io di Legolas.

Il franchise continua a produrre titoli anche dopo il termine di quella che fu la grande influenza delle produzioni cinematografiche, e infatti nel 2007 esce il primo MMORPG (multigiocatore di ruolo) solo per PC a tema prodotto dalla Turbine Inc., ossia Il Signore degli Anelli Online.
Per quanto io adori gli MMO in generale, ho giocato pochissimo a questo titolo poiché francamente l’ho ritenuto troppo macchinoso e noioso.
Tra il 2009 e il 2011 ci fu un passaggio di consegne: Il Signore degli Anelli: La Conquista (Playstation 3, Xbox 360, Nintendo DS e PC), ossia un gioco dove eserciti del Bene e del Male si fronteggiavano in luoghi canonici della narrativa tolkieniana, è stato l’ultimo prodotto dalla EA che cedette i diritti alla Warner Bros Interactive Entertainment col primo titolo, Il Signore degli Anelli: La Guerra del Nord.
E’ proprio con Warner Bros che il franchise conobbe il massimo successo, avendo prodotto tra il 2014 e il 2017 titoli come La Terra di Mezzo: L’Ombra di Mordor e il suo seguito, La Terra di Mezzo: L’Ombra della Guerra. I due videogiochi, pubblicati per Playstation 4, Xbox One e PC, sono ambientati nell’intermezzo tra gli eventi de Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli, e narrano la storia di Talion, un ramingo che deve sfidare intere orde di Uruk-hai pronti alla riorganizzazione per ordine di Sauron. gollum

NEL FUTURO PROSSIMO. No, la magia dei videogiochi dedicati a Il Signore degli Anelli non è destinata a tramontare.
Questo perché è stato annunciato recentemente un nuovo titolo per old e next gen che, seppur passato stranamente in sordina, sappiamo che dovrà uscire proprio a metà di quest’anno.
Si tratta de Il Signore degli Anelli: Gollum, prodotto dai tedeschi della Daedalic Entertainment.
Su questo gioco si conosce ben poco, se non che sarà basato sui libri e non sulle pellicole di Jackson, che è ambientato ben prima dell’incontro tra Gollum e Bilbo Baggins e che sarà propriamente un’avventura stealth.
Non ci resta che aspettare e vedere.

E voi? Avete giocato ad uno di questi giochi che ho elencato? Che ricordi avete?
Scrivetelo sotto con un commento!

Corvo.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: